Archivi tag: Trattato per la messa al bando delle armi nucleari

Salvini, la sicurezza e la “legittima difesa” dell’ignoranza

   

   Il primo rapporto del Censis sulla sicurezza in Italia, pubblicato lo scorso 27 giugno, ci consegna dei dati che meritano un approfondimento. Tutti i reati in questo Paese sono in calo, in particolare negli ultimi dieci anni gli omicidi sono praticamente dimezzati (dai 611 del 2008 ai 343 del 2017), le rapine sono diminuite del 37,6% e i furti del 13,9%. In generale i reati tra il 2016 e il 2017 sono diminuiti del 10,2%. Tuttavia, il Rapporto registra la crescita nel Paese della voglia di sicurezza fai da te: nonostante nell’ultimo anno siano aumentate del 13,8% le licenze per porto d’armi (di cui il 21% per “tiro al volo”, le più facili da ottenere) e nelle case degli italiani ci siano già qualcosa come 4,5 milioni di armi da fuoco, il 39% di essi chiede una maggiore libertà nell’acquisto di armi per difesa personale. Quota che diventa sensibilmente più alta tra le persone meno scolarizzate (51%), quelle che hanno al massimo la licenza di media, e quelle più anziane (41%), oltre i 65 anni. Ossia il senso di insicurezza diventa paura e senso di minaccia – che genera la voglia di armarsi per farsi “giustizia” da sé – in maniera inversamente proporzionale alla capacità di comprendere la realtà e le sue modificazioni.  Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in annotazioni

Interrompere gli automatismi della follia. Come Stanislav Petrov

Lo scorso 31 agosto le agenzie internazionali ci hanno informato che il governo russo ha deciso di inaugurare, questo settembre, un monumento al centro di Mosca dedicato al generale Mikhail Kalashnikov, l’inventore del fucile mitragliatore AK-47, che prende il suo nome. Un monumento alto 7 metri, costato circa 35 milioni di rubli, ossia 503mila euro. Il generale Kalashnikov era morto nel 2003 a 94 anni, dopo aver regalato all’umanità il fucile mitragliatore più diffuso al mondo, adottato da 80 eserciti e da tutte le bande criminali e terroristiche. Un uomo, un militare tra i più decorati dell’Unione Sovietica prima, dalla Russia di Putin dopo, la cui statua è stata voluta fortemente dalla Società storico-militare russa, ed affidata – leggiamo – allo scultore Salavat Shcherbakov, che ha già creato imponenti monumenti all’imperatore Alessandro III ed al principe Vladimir. Un monumento solenne al creatore dell’arma che dal 1947 ha fatto – probabilmente – più vittime in assoluto sul pianeta e continua ad essere riprodotta senza sosta. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in annotazioni