L’utopia concreta di Mara

Un ricordo di Mara Marmiroli per Pollicino gnus

Forse non è un caso se, immigrato a Reggio Emilia dalla Calabria – dopo una breve tappa modenese – intorno alla metà degli anni ’90, già attivista nonviolento alla ricerca di nuovi compagni d’impegno pacifista, tra le prime persone incontrate c’è Mara Marmiroli, insieme al suo compagno Marco Cervino. pugliese1

Sono gli anni della tragedia bellica nella ex Jugoslavia e della mobilitazione pacifista contro la guerra e l’intervento armato italiano. Con il supporto della redazione di Pollicino gnus si costituisce a Reggio Emilia una nuova “Rete di collegamento contro la guerra” che dopo una grande manifestazione cittadina, da il via il 23 aprile del 1999 alla “Tenda della Pace” in piazza Prampolini che sta aperta, giorno e notte, fino al 17 giugno. La tenda diventa il punto di rifermento e di coordinamento provinciale per tutte le iniziative per la pace. Mara è tra le partecipanti più attive e tra le persone che s’impegnano con maggiore serietà ed affidabilità. Si fanno i digiuni, si stilano e si distribuiscono i comunicati stampa, si partecipa alle assemblee nelle scuole, si va alla manifestazione di fronte alla base militare di Aviano, da cui partono i caccia a bombardare Belgrado. E Mara c’è sempre, con il suo stile sobrio e fermo, ossia nonviolento.

Finita la guerra, una parte del gruppo della “Tenda” costituisce l’associazione Resistenza e Pace, che per alcuni anni sarà un punto di riferimento importante del pacifismo reggiano, anche sul piano dell’elaborazione politica e culturale. La casa di Mara e Marco è aperta ad ospitare molte riunioni, intorno ad un bicchiere di vino e ad una ciotola di noci, miscelando sapientemente impegno, riflessione e convivialità. E’ un periodo denso di iniziative, che ci porterà – tra le altre cose – a festeggiare insieme a Paride Allegri, il 1 gennaio del 2000, l’inaugurazione del Centro per il Disarmo e la Riconciliazione dei popoli, sulle colline di Vezzano.

E poi, anche dopo la nascita di Agnese, Mara partecipa, tenendo insieme famiglia, lavoro e impegno civile, al Gruppo di Azione Nonviolenta, ai training formativi alla nonviolenza, ai laboratori, alle biciclettate per la pace (siamo ormai all’epoca della guerra in Iraq) e alla costruzione di Reti più larghe. A partire dalla Scuola di Pace di Reggio Emilia. Ne è subito coinvolta entrando a far parte del primo coordinamento, nel quale rappresenta il Consorzio Oscar Romero. E’ chiaro che si spende al di là del suo impegno lavorativo, con puntualità, concretezza e carattere. Non a caso è lei a coordinare il gruppo di lavoro sui conflitti territoriali in città, che la porta ad incontrare i rappresentanti di tutte le circoscrizioni cittadine. E’ inoltre uno dei motori che porterà alla realizzazione nel 2008 degli “eVenti di Pace. La città si educa alla nonviolenza” 10 giorni di iniziative artistiche, culturali, politiche che attraverseranno vari luoghi della città. Misiano Barbieri ne è un altro motore.

Pian piano, nella sua costante ricerca di concretezza, il suo impegno è sempre più assorbito dalla lotta antimafia di COLORE, pur senza perdere di vista le questioni della pace. Ci siamo ritrovati infatti, in anni più recenti, nel gruppo di formatori del Servizio Civile. Lei impegnata a formare gli OLP (i tutor) dei volontari civili, io direttamente i volontari. Ma entrambi avevamo chiara la necessità di far passare, ad entrambi i livelli, l’idea che il servizio civile non è un mero volontariato, quanto una modalità di difesa della Patria alternativa a quella militare. Non a caso è sua l’idea di far concludere ogni anno il percorso formativo dei volontari civili con una visita a Monte Sole.

Ora che Mara non c’è più – e stentiamo a farcene una ragione – non ci resta che ricordarla per la sua utopia concreta, perseguita con impegno serio e costante. A noi non rimane che seguire il suo esempio, continuando in quei molti compiti per i quali si è spesa senza risparmio. Insieme a Marco e ad Agnese.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in annotazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...