Un 4 novembre dedicato alla pace e al disarmo

(Il 4 novembre dell’anno scorso facevo circolare queste note. Non sono ancora inattuali)

 

per onorare davvero la memoria dei caduti in tutte le guerre

per avviare un nuovo paradigma di civiltà e umanità

ferocia e tecnologia

Le oscene immagini dell’epilogo della guerra in Libia – che sono rimbalzate fino alla nausea nel circo mediatico, banalizzandone lo scempio, mentre sono oscurate regolarmente le “ordinarie” immagini di tutte le guerre, che potrebbero far riflettere sull’oscenità della guerra – fanno scrivere ad Adriano Sofri, su “la Repubblica” del 22 ottobre 2011 (“Kalashnikov e telefonini lo scempio del branco”), che “l’uomo è antiquato, o è pronto a ridiventarlo” anzi, continua più avanti, “gli umani sono ancora feroci e fanatici come nell’Iliade, come nella Bibbia. Sono antichi quanto e più di allora, ma hanno i telefonini”. La guerra e la sua persistente legittimazione politica e culturale tengono l’umanità ancorata al peggio di sè. Abbiamo fatto un salto tecnologico, ma nessun salto di civiltà; al contrario l’applicazione della tecnologia alla guerra ha fatto compiere all’umanità un balzo all’indietro. La guerra risponde alla logica del fine da raggingere che giustifica l’impiego di qualunque mezzo. Da quando il mezzo è stato potenziato enormemente dagli sviluppi tecnologici, è esplosa la capacità distruttiva e ridimensionato lo spazio di umanità.

l’imprinting al Novecento

La svolta tecnologica nella guerra è avvenuta in quella che ha aperto il Novecento, dandogli l’imprinting: la “Grande guerra”, chiamata così non solo per la sua dimensione intercontinentale ma sopratutto per la capacità distruttiva su larga scala che è stata messa in campo dagli eserciti. Quella guerra provocò la repentina riconversione delle moderne invenzioni tecniche in strumenti bellici, finalizzati al terrore di massa. Le nuove fabbriche fordiste, chimiche, meccaniche, areonautiche e navali, furono rapidamente convertite al servizio delle armi chimiche, dei carri armati, degli aerei da combattimento, dei sottomarini da guerra, moltiplicando la produzione in tutti i settori. La società e l’economia intera vennero coinvolte nello sforzo bellico e la guerra diventò, per la prima volta, di massa e totale. Un salto di qualità distruttiva definitivo, con 16 milioni di morti complessivi in quattro anni, che da allora in poi sarebbe stato sempre più amplificato, in un’escalation senza fine di armamenti, morte e distruzione. Fino ai campi di sterminio, fino ad Hiroshima e Nagasaki, e poi all’equilibrio del terrore, al napalm, all’uranio impoverito, alle armi battereologiche, ai cacciabombardieri nucleari, ai droni telecomandati…In un vortice di violenza presente sia quando le armi iper-tecnologiche vengono usate ai quattro angoli del pianeta, sia quando si accumulano e praparano le guerre, sottraendo ingenti risorse alle spese sociali e colonizzando la cultura profonda che non pre/vede e rende possibili le alternative.

uomini nel fango

E l’umanità? Mentre si fanno strada le armi di distruzione di massa, nella “Grande guerra” l’umanità è rintanata nelle trincee contrapposte, tra topi, cadaveri, neve e fango, dove sopravvivono e muoiono i giovani e giovanissimi coscritti (dello “stesso medesimo umore, ma la divisa di un altro colore”, cantava De Andrè), agli ordini di ufficiali spesso esaltati. “Uomini contro”, li definì il celebre film di Francesco Rosi, che, qualche volta, si riconobbero nella loro rispettiva umanità e decisero di affermarla, disobbedendo agli ordini, rifiutando di sparare. Lo racconta, tra gli altri, Emilio Lussu in “Un anno sull’altipiano” (libro da cui fu tratto il film di Rosi):

“Quelle trincee, che pure noi avevamo attaccato tante volte inutilmente, cosi viva ne era stata la resistenza, avevano poi finito con l’apparirci inanimate, come cose lugubri, inabitate da viventi, rifugio di fantasmi misteriosi e terribili. Ora si mostravano a noi, nella loro vera vita. Il nemico, il nemico, gli austriaci, gli austriaci!… Ecco il nemico ed ecco gli austriaci. Uomini e soldati come noi, fatti come noi, in uniforme come noi, che ora si muovevano, parlavano e prendevano il caffe’, proprio come stavano facendo, dietro di noi, in quell’ora stessa, i nostri stessi compagni. (…)Avevo di fronte un ufficiale, giovane, inconscio del pericolo che gli sovrastava. Non lo potevo sbagliare. Avrei potuto sparare mille colpi a quella distanza, senza sbagliarne uno. Bastava che premessi il grilletto: egli sarebbe stramazzato al suolo. Questa certezza che la sua vita dipendesse dalla mia volonta’, mi rese esitante. Avevo di fronte un uomo. Un uomo! Un uomo!”

militarizzazione di una generazione

Ma queste esitazioni dove emergeva l’umanità vennero severamente punite. Le renitenze e le diserzioni per non andare a morire nelle trincee d’Europa, gli ammutinamenti e le insubordinazioni di massa dei soldati sfiniti, le automutilazioni per trovare un temporaneo riparo nelle retrovie, le tregue spontanee dal basso – come la “piccola pace nella Grande guerra” che fu realizzata naturalmente dai soldati lungo tutto il fronte occidentale, per alcuni giorni, intorno al Natale del 1914, con l’intonazione di canti natalizi di pace nelle diverse lingue e scambi di poveri doni, incontrandosi nella terra di nessuno tra le due trincee (cfr Michael Jurgs “La piccola pace nella Grande guerra. Fronte occidentale senza armi 1914: un Natale senza armi”) – furono disubbidienze e obiezioni popolari alla logica della guerra. Per questo, orrore nell’orrore, nella “Grande guerra” si applicò per la prima volta su amplissima scala anche la decimazione, all’interno dei rispettivi fronti, di coloro che esitavano a dimenticare la propria umanità per diventare cieche e sorde macchine di morte. Intanto, la propaganda, condotta per la prima volta in maniera massificata sul “fronte interno” di ciascuno Stato, giustificava tutto ciò per i superiori interessi nazionalistici.

In Europa una generazione subì un processo di militarizzazione forzata e ideologica. La conseguenza principale saranno i fascismi e il nazismo che condurranno il mondo ad una nuova, ed ancora più spaventosa, catastrofe mondiale.

cambiare paradigma culturale

Oggi, nonostante il passaggio di millennio, siamo ancora pienamente dentro quel Novecento, inaugurato e connotato definitivamente dalla Grande guerra; dentro al paradigma del fine che giustifica mezzi, sempre più scientificamente distruttivi. Nonostante la fine di due guerrre mondiali, la conclusione della “Guerra fredda”, il crollo dei regimi totalitari, nonostante tutto ciò, le spese militari – per l’acquisto, il mantenimento e l’uso di ipertecnologie di morte – sono avviluppate in una escalation continua, su scala planetaria e nazionale, che non ha eguali in nessuna epoca storica. Il riarmo è in continua ascesa, tanto sul piano specificamente bellico quanto sui piani politico e culturale. Non a caso il nostro Paese è impegnato, consecutivamente da vent’anni, in guerre su molti fronti internazionali, chiamate “missioni di pace” nella “neolingua” orwelliana comunemente usata per aggirare la Costituzione, nella quale i padri costituenti avevano usato coscientemente la forza del verbo “ripudiare” proprio e solo in riferimento all’oscenità della guerra, in quanto “mezzo” per la risoluzione dei conflitti.

Siamo talmente dentro al tragico Novecento che – piuttosto che puntare sul disarmo militare e sulla messa a punto e sperimentazione di “mezzi” alternativi alla guerra per la “risoluzione delle controversie internazionali”, proiettandoci così in un’altro paradigma culturale e politico, quello del fine che si realizza già nel mezzo che si usa, come indicato dalla Costituzione – si continua a “festeggiare” il 4 novembre, la fine della “Grande guerra” come “Festa della Forze Armate”, ossia si festeggia proprio il “mezzo” che ci lega irrimediabilmente alla guerra.

un 4 novembre per il disarmo

Il ricordo e il lutto per le vittime delle guerre meritano un giorno di memoria e di raccoglimento, non di festa. Un modo affinchè il loro sacrificio sia di vero monito alle nuove generazioni è dedicare quel giorno alla riflessione sulla tragedia di tutte le guerre, all’impegno per il disarmo e alla promozione delle alternative possibili. Fra qualche anno saranno cento gli anni che ci separano dall’avvio della “Grande guerra”: se nel frattempo saremo riusciti a trasformare il 4 novembre in una giornata dedicata alla pace ed al disarmo, piuttosto che all’esercito, sarebbe un piccolo, ma importante, segnale che il secolo delle guerre sta finalmente passando. E che stiamo cominciando a costruire, almeno in Italia, un cambio di paradigma culturale per un salto di civiltà e di umanità.

(4 novembre 2011)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in materiali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...