Se un Generale dis/vela la verità della guerra

Da buon militare, non fa giri di parole il Generale Fabio Mini e chiama le cose con il loro nome, a cominciare dal titolo di questo pamphlet, che è una domanda secca: Perché siamo così ipocriti sulla guerra? E lo chiede a ragion veduta, da un punto di vista tutt’altro che generico, ma dal suo particolare punto di vista di Generale di corpo d’armata, Capo di stato maggiore del comando Nato per il Sud Europa e Comandante della Kfor, la forza internazionale Nato in Kosovo, che dà alla domanda una netta radicalità.
Cita lo stratega Sun tzu, che già nel primo secolo a.C., scriveva che il tao, l’essenza, della guerra è l’inganno. L’inganno rivolto agli avversari che, al limite, avrebbe potuto consentire di vincere anche senza combattere. Ma l’ipocrisia contro la quale si scaglia il Generale Mini non è questo inganno strategico, ma è quello che da sempre accompagna la preparazione e lo scatenamento delle guerre, fabbricandone i falsi pretesti per nasconderne le reali motivazioni. Perché siamo così ipocriti sulla guerra? A questa domanda il Generale fornisce cinque risposte, altrettanto nette, che danno i titoli ai successivi capitoli del libro: la menzogna, gli affari, l’arte dell’ipocrisia, il gusto della guerra, l’ipocrisia della normalità. Le quali, nell’insieme costituiscono una “operazione verità”, nel significato etimologico di “dis/velamento”, sull’ipocrisia politica e culturale nascosta dietro alla retorica della guerra. Operazione condotta con perizia, dall’interno, da parte di chi le cose le sa, in quanto professionista di primo piano dell’organizzazione preposta alla guerra, l’esercito.

Tra i molti, interessanti, spunti del libro ne raccogliamo uno che ha un incipit, letto e scritto tante volte nei nostri lavori contro la guerra, ma quasi spiazzante se affermato da un Generale: la verità è la prima vittima della guerra. Il Generale Mini dispiega questo incipit ripercorrendo e documentando agilmente le menzogne che hanno accompagnato le guerre, con il loro carico di morti e tragedie.
A cominciare dalle atomiche del 1945 sul Giappone, il 6 agosto ad Hiroshima e il 9 agosto a Nagasaki – che a 5 anni dallo scoppio fecero conteggiare complessivamente 340.000 vittime, con gli effetti delle radiazioni che proseguirono ancora per decenni – le quali non servirono affatto, come è stato ipocritamente ripetuto, “a evitare vittime americane, accelerare la fine della guerra o a risparmiare ulteriori sacrifici ai giapponesi (sic). Non servirono a far “finire” la Seconda guerra mondiale ma a “preparare” la Terza” (p. 9) o, detto ancora più esplicitamente, “l’impiego delle bombe atomiche sul Giappone servì a rendere palese nei confronti di avversari e alleati il nuovo status di superpotenza mondiale assunto dall’America, che dimostrava di essere l’unica ad avere sia la capacità tecnica sia la volontà politica di usare la bomba atomica (p. 15)”. E poi, durante il periodo ipocritamente chiamato di “Guerra Fredda”, mentre le superpotenze si affrontavano direttamente o per procura in tutti gli angoli del pianeta, si continuò con le menzogne: “era falso il pretesto dell’incidente di Tonchino che ha dato l’avvio alla guerra del Vietnam. Come è stato accertato dalla consultazione dei Pentagon Papers del 1964, l’attacco alla nave americana Maddox fu una simulazione degli stessi americani o la versione autoassolutoria di un comandante entrato nel panico alla vista di alcune navi vietnamite” (p.24). Ancora – e veniamo in anni più recenti ed al coinvolgimento diretto in guerra anche dei nostri governi e dei nostri ragazzi – “era falso il massacro di Racak del 1999, che ha fornito il pretesto per la guerra in Kosovo. I quarantacinque corpi di civili trovati morti in un fosso non erano il risultato di un eccidio serbo perpetrato in una notte di tragedia, ma l’esito della raccolta di corpi di ribelli ammazzati nel corso di un mese di combattimenti in un’area molto vasta. Le bande UCK, con la consulenza di agenti segreti stranieri realizzarono la messinscena…L’ambasciatore William Walzer, l’americano che dirigeva la missione di verifica Osce con l’aiuto di una novantina di mercenari, ex agenti federali o della Cia, avallò la tesi dell’eccidio con la complicità di una patologa finlandese…(p. 25). E, in questo osceno dispiegarsi di falsità, ipocritamente raccontate dai governi e ossessivamente rilanciate dai media, era falso anche “il pretesto delle armi di distruzione di massa di Saddam che nel 2003, in piena guerra afgana, ha aperto un secondo conflitto, portando l’America al collasso economico e d’immagine” (p.26).
L’esito logico di questa carrellata di menzogne, e non poteva essere diversamente, è che “la guerra umanitaria” – sulla quale si fonda in Italia il continuo raggiro della Costituzione (ma questo Mini non lo dice) e la lievitazione delle spese militari – “oltre ad essere un ossimoro, è diventata la più grande ipocrisia”(p.32).

Niente di nuovo? Niente di nuovo per noi che queste cose le diciamo da sempre, ma a dirlo – per una volta – non siamo noi.Così come, per una volta non siamo noi a scrivere, ma lo leggiamo sul libro di un Generale, con un altro incipit che non lascia dubbi, che la ragione di queste falsità è che la guerra è un grosso affare: “Se quindi la menzogna risolve il problema di come iniziare la guerra, l’ipocrisia, che ne nasconde i veri scopi, permette di trasformarla in un grosso affare che duri all’infinito e che soddisfi coloro che traggono profitto sia dai combattimenti sia dalle speculazioni post belliche” (p.36). Sono gli affari che decidono dove portare le guerre con la genuflessione di governi, parlamenti e bilanci pubblici e con il relativo circo mediatico che favororisce la costruzione scientifica delle menzogne; sono gli affari che scelgono il prato migliore dove far pascolare i cavalli dei quattro Cavalieri dell’Apocalisse – guerra, carestia, pestilenza e morte – anzi, aggiunge il ben informato Generale Mini “negli ambienti legati all’apparato militare industriale americano non si accettano i programmi di riduzione delle spese militari e si parla già della “minaccia della pace”. Si può essere sicuri che qualcuno ha già pensato di portare i cavalli a pascolare da qualche altra parte” (p.45). Del resto, anche l’apparato militare industriale italiano, legato a filo doppio a quello americano, non ha accettato alcuna spending review sugli armamenti trovando anche il modo di mantenere – nel pieno della peggiore crisi economica dal dopoguerra – l’acquisto più dispendioso della nostra storia, i famigerati caccia F-35. Ma, chiosa Mini l’ipocrisia italiana è quella dei mediocri,“siamo maestri dell’inganno e della truffa” (p.49).
E non risparmia il Generale neanche le istituzioni internazionali che dettano le regole dell’economia mondiale: “il Fondo monetario internazionale che assoggetta i governi deboli a drastiche misure di spese sociali non ha mai posto vincoli ai bilanci militari e anzi finisce per finanziare vere e proprie guerre, colpi di Stato e massacri. (p. 44)”
Tutto ciò ha portato le opinioni pubbliche all’assuefazione alla guerra e alla sua costante preparazione. Non a caso le spese militari globali hanno raggiunto ormai cifre ben superiori a quelle della Guerra Fredda, ma il tema è stato completamente, e abilmente, rimosso dalla coscienza collettiva e nessuno parla più di disarmo. “Dopo millenni di eccezionalità, la guerra stessa è diventata ipocritamente normale”(p.74), conclude Fabio Mini.

Tra gli altri tanti e importanti spunti di verità che fanno di questo libro una lettura necessaria, non manca un paragrafo su l’ipocrisia della non violenza

Fabio Mini, Perché siamo così ipocriti sulla guerra? Un generale della Nato racconta, Chiarelettere editore, maggio 2012 (p.84)

, che è l’unico vero punto debole di questo lavoro. Il Generale Mini liquida in poche parole l’impegno di chi “dice di ispirarsi a Gandhi”, in una maniera del tutto superficiale e contraddittoria, imputando loro la creduloneria nei confronti del “mantra della pace”, ossia quella ipocrisia che “permette di credere che le operazioni di guerra siano “operazioni di pace” o di supporto alla pace e gli interventi militari diventano più accettabili se vengono declinati in tutte le salse inglesi usando il prefisso peace: keeping, making, bulding…”. Mi pare evidente il riferimento ai molti pacifisti della domenica, che partecipano ipocritamente alle “marce della pace” ma poi in Parlamento votano e finanziano (o votano per quelli che votano e finanziano) il menzognero ossimoro delle “missioni umanitarie”e delle “operazioni di pace”. Tra questi, tuttavia – vorrei tranquillizzare il Generale – credo di non intravvedere alcun “gandhiano”.
Del resto Fabio Mini è un Generale, serio e onesto, esperto di guerra, più che di pace e di nonviolenza, ma proprio per questo il suo pamphlet è un utile strumento di verità. E dunque di pace.

Fabio Mini, Perché siamo così ipocriti sulla guerra? Un generale della Nato racconta, Chiarelettere editore, maggio 2012 (p.96)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in recensioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...